sabato 28 agosto 2010

Prima decisione: sforzarsi di non andare MAI più a letto in queste condizioni!
Cioè come?!
Come una pazza isterica, carica di sensi di colpa per un trancio mini di margherita INGURGITATO A TRADIMENTO E NON RIGETTATI L'ISTANTE DOPO.
E' ora di finirla con queste abbuffate..è ora di riprendere le redini di questo corpo allo scatafascio..ma perchè non ci riesco?!
" Ancora otto chili" continuo a ripetermi...ancora otto si e dopo sarò felice, sarò tra le stelle serena, e se sarò solo non mi importa, questa è LA MIA GABBIA DORATA, di un oro marcio, e nessuno me la può portare via.
Devo eliminare i commenti della gente che mi illudono, mi PERSUADONO da ciò che voglio, devo re-set-ta-re tutte queste falsità.
Devo smetterla di farmi influenzare da LUI, e scaricare così i problemi sul cibo...ingurgitandolo.
Se lo facessi con l'attività fisica probabilmente adesso peserei 45 fottuti chilogrammi e non i mille di adesso.
E invece no, continuo a mangiare da brava obesa che non sono altro.
Ha proprio ragione mia madre.
Perdente.
Perdente.
Perdente.
Nessuno mi amerà mai, mettiti il cuore in pace Elenoire, e concentrati su te stessa, sul volerti salvare da tutto lo schifo che ti avvolge per sbocciare forse, definitivamente.

"Ancora otto chili" e dopo volerai alto, leggera leggera..

7 commenti:

withoutexit ha detto...

la parte della "pazza isterica,carica di sensi di colpa" la capisco fin troppo bene!
solo cerca di essere meno dura con te stessa. ho visto la foto che avevi postato qualche tempo fa e tutto questo grasso proprio non lo vedo. sei magra,dico davvero. è un peccato che tu non te ne renda conto.
poi tranquilla,un mini trancio di margherita non farà nulla la tuo corpo,so che lo sia,ma ripetere non guasta :)
purtroppo non sono 45 kg che ti faranno felice,ma come posso biasimarti se in fondo anche io la penso esattamente come te?
una volta entrati nella gabbia,è dannatamente difficile uscirne..

un bacio

Anne bones ha detto...

Una gabbia dorata, filo spinato che ci impedisce di fare altro, se non fare quello che facciamo e sentirsi come ci sentiamo. Sono d'accordo con withoutexit. Un abbraccio.

Alice ha detto...

Non ascoltare i commenti degli altri.
Nessuno dovrebbe avere tanta importanza da farti arrivare a stare così da schifo.
Tappati le orecchie. Con Lui e anche con tua madre.
Pensa di più a te stessa, ai TUOI interessi e a VOLERTI BENE.
Sboccia. Fiorisci.
Ma perchè ti ami, non perchè sei otto chili in meno

Thinkerbell ha detto...

so che è quasi impossibile non sentirsi una merda (perdona il linguaggio) quando i genitori dicono certe cose...ma non credo che tua madre abbia ragione...
ce la farai...e non sarai più una perdente (anche se dubito che tu lo sia mai stata)
non mollare!

Renée ha detto...

Ho capito a mie spese,che,raggiunto un traguardo, la tanto aspirata soddisfazione non dura pù di tre secondi. Giusto il tempo di pensare,che,forse,con altri 8 kili in meno saremmo davvero felici,che ci sbagliavamo,che 45 è ancora troppo. Con altri 3 kili in meno,finalmente potremmo camminare senza provare più vergogna per "tutta quella ciccia che ci ha rovinato la vita". Purtroppo non è il peso che ci rende felici,ma,inverosimilmente, più si scende,più il dolore,quello dell'anima, cresce..

Alessandra ha detto...

eh già, ti capisco, tante volte dopo un'abbuffata (di quelle vere da sentirsi male) mi metto a letto, mi tocco la pancia gonfia che sembra scoppiare e piango e mi maledico perchè POTEVO EVITARE. bene, EVITIAMO CAZZO. non se ne può più delle delusioni.. dobbiamo essere forti!

alessia r ha detto...

Ciao ragazze..io ho il vostro stesso problema, sia familiare che con il cibo e non ho nessuno con cui parlarne..Almeno voi però riuscite a dimagrire un pò..io neanche quello, nonostante mi impegno con tutta me stessa..potete darmi dei consigli??
Vi ringrazio,
CIAO CIAO